“Due eroi in panchina” di Roberto Quartarone Ed. inContropiede

Biblioteca “Rosario Livatino”, concluso il primo Corso di scrittura creativa WWW.SICILIATODAY.NET
aprile 16, 2016
IL RUSSO-AZZURRO: CATANIA MELFI www.mondocatania.com
aprile 21, 2016

“Due eroi in panchina” di Roberto Quartarone Ed. inContropiede

IMG_0027DUE EROI IN PANCHINAdue-eroi-in-panchina

Esce per Edizioni inContropiede il libro di Roberto Quartarone, una verità che viene a galla con un ritardo di 70 anni, la storia dei due “Schindler del calcio”.  Darwin Pastorin: “Un libro prezioso, che rende giustizia, che riporta alla vita due allenatori che pagarono il loro coraggio durante gli anni dell’orrore e dell’odio, della macelleria nazista”.

 

Esce per Edizioni inContropiede il libro “Due eroi in panchina”, scritto dal giornalista e scrittore catanese Roberto Quartarone, una verità che viene a galla con un ritardo di 70 anni.

È il 6 febbraio 1945, prime luci dell’alba. Un plotone d’esecuzione nazista, pochi giorni prima che Budapest venga liberata, fucila due allenatori di calcio: Géza Kertész e István Tóth-Potya. Sono entrati da alcuni mesi nella resistenza ungherese, sabotando i tedeschi, per salvare resistenti ed ebrei. I due sono amici da tempo, hanno giocato insieme sui campi sterrati di inizio Novecento con la maglia Ferencváros e si sono ritrovati in Italia come allenatori. Géza sulle panchine di Catania, Atalanta, Lazio e Roma, István su quelle di Triestina e Inter, ed entrambi sono molto apprezzati. Rientrati a Budapest, decidono di sacrificare la loro gloria sportiva per diventare due “Schindler del calcio”. La prefazione è di Darwin Pastorin. La postfazione è a cura di Filippo Fabio Solarino, con cui l’autore ha svolto il lavoro di ricerca.

 

PREFAZIONE DI DARWIN PASTORIN

“Ecco un libro prezioso, che rende giustizia, che riporta alla vita due allenatori che pagarono il loro coraggio durante gli anni dell’orrore e dell’odio, della macelleria nazista. Leggendo le pagine di Roberto Quartarone mi sono commosso, emozionato, ho stretto i pugni, sorriso, pianto. Impossibile restare indifferenti davanti a questi “Due eroi in panchina”: prometto di portare questa vicenda sempre con me, tra i miei racconti di pallone e di vita più belli, forti e struggenti”.

 

AUTORE

Roberto Quartarone, nato a Catania nel 1986, è giornalista per “La Sicilia” e “Quotidiano di Sicilia” e ha fondato il blog BasketCatanese.it. Ha scritto “Il libro d’oro del basket catanese” (2013) ed è coautore di “Tutto il Catania minuto per minuto” (2010).

 

CASA EDITRICE EDIZIONI INCONTROPIEDE

Nata nel Veneziano nel 2014  in catalogo “Campo per destinazione – 70 storie dell’altro calcio” di Carlo Martinelli (prefazione di Stefano Bizzotto), “Il Romanzo di Julio Libonatti” di Alberto Facchinetti (con una nota di Gian Paolo Ormezzano), “Il calciatore stanco” di Gino Franchetti, “Arrigo. La storia, l’idea, il consenso, la fiamma” di Jvan Sica, “Gol mondiali” di “Sport in Punta di penna”, “Memorie dell’Europa calcistica – L’Erasmus del pallone” di Federico Mastrolilli, “Scusa se lo chiamo Futebol” di Enzo Palladini, “Ho scoperto del Piero” di Alberto Facchinetti (prefazione di Alessandro Del Piero), “MayPac” di Andrea Bacci, “Il Cameriere di Wembley” di Lorenzo Fabiano (prefazione di Roberto Beccantini), “Rivera Rivera Rivera Rivera” di Em Bycicleta.

 

Per info:

Edizioni inCONTROPIEDE – Dolo (Venezia)

www.incontropiede.it – incontropiede@gm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *