IL RUSSOAZZURRO E LA GIORNATA DELL’ORGOGLIO ROSSAZZURRO SU MONDOCATANIA.COM

CONOSCO L’AMORE MEGLIO DI VOI SU SICILIAJOURNAL (RECENSIONE DI ROBERTO COLINA)
maggio 10, 2016
ANTONIO CIRAVOLO E “L’ULTIMA NOTTE DI X” SU LETTERATITUDINE
giugno 22, 2016

IL RUSSOAZZURRO E LA GIORNATA DELL’ORGOGLIO ROSSAZZURRO SU MONDOCATANIA.COM

Articolo di ALESSANDRO RUSSO

Catania centro, poco fa.

Un piccolo bar in una viuzza stretta e sporca del quartiere Antico Corso.

«Stu binirittu Catania quarantasei -giura un omaccione stempiato sulla settantina- non è di Nino e mancu di Franco: è u nostru».

«U nostru ? –replica un giovanotto tatuato dalla testa ai piedi- Ma chi dici, zu Pippu? Ma si luvassi, ambrisa sti maliritti soddi l’ama pavari nuautri ? Sta squatra avi chiossai debiti ro comuni di Catania».

«Carusi, tagghiatila !» – fa capolino un tipo con bastone in mano, aria saccente e sorriso sulle labbra.

«Ora –riprende il nuovo arrivato- vu cuntu iu u fattu e vi ricu comu stanu i cosi. Penalizzazione a st’annu non ci nn’é e Puvvirenti u sapiti chi fa ? Nesci i soddi, ni fa squatruni, acchianamu ‘nta B e si stanu tutti muti….».

«Ma chi nicchi e nacchi ! –lo interrompe il giovanotto coi tatuaggi- Ma chi dici vossia ? Du cristianu testa no palluni non avi, i soddi ci squagghianu e ora ci sta accuminciannu macari u processu pi l’aeroplani ddocu».

«U giunnali –lo zio Pippo riparte come un missile– scrivi sulu minchiati e non si sapuni mai comu stanu i cosi pi da veru. Finu a quannu c’è chiddu nto mezzu o stadiu non ci avissi a ghiri chiù nuddu; ma però a duminica ca veni o Cibali u ci ama ghiri tutti chiddi ca semu. Ni puttamu a bannera e i strisciuni e ama stari ‘nsemi abbrazzati comu dda vota, tant’anni fa quannu c’era a bonammuzza di Massiminu. Du ionnu non si sapeva su scinneva a Catania u Giarri o a Palestru. Non mu faciti ripetiri chiu, macari ca è chinu di debiti stu binirittu Catania quarantasei non è di Nino e mancu di Franco: è u nostru».

«Io –interviene uno con iris in mano e occhiali da intellettuale- sono un giornalista. Intanto che vi ascoltavo mi tornava in mente l’intero film della scorsa stagione. Rivedevo l’entusiasmo strabiliante di tifosi e addetti ai lavori dopo le prime vittorie dei giovanotti di Pancaro; ma scorgevo anche lo stadio desolato e vuoto durante la partita col Messina e quella col Melfi. Concordo che il Catania non sia ne’ di Nino, nè di Franco, ma proprio perché è nostro bisognerebbe andare allo stadio sempre. La ‘giornata dell’orgoglio rossazzurro’ mi pare una manifestazione molto bella, però la tifoseria doveva rimanere unita e coerente anche nella seconda parte dell’anno scorso. Ad inizio campionato, dopo le prime tre, quattro vittorie, erano tutti felici e contenti. Poi, lentamente, proprio nel momento del bisogno, non c’era più nessuno».

Ordunque, una volta a casa mi metto di corsa a scrivere la nuova puntata del Russo-azzurro. Epperò, ora ho come l’impressione di ritrovarmi accanto al signor Pippo, quello dalla fronte stempiata. Eccolo, alle cinque meno un meno un quarto del pomeriggio di domenica cinque giugno, che percorre con spensierata lentezza tutta la via Monserrato. Quando si blocca al semaforo di via Etnea attende il verde pedonale facendo tintinnare le chiavi dietro la schiena. Dopo una rapida sosta per un caffè amaro, lo osservo che lascia qualche moneta di mancia al banconista del bar. Infine, lo saluto con l’occhiolino, mentre si dirige verso i varchi del ‘Massimino’ in attesa del fischio d’inizio. In quel preciso istante, lo zio Pippo mi si avvicina e mi racconta una cosa: «Pi ghiri in piazza Spedini, da casa nesciu sempri sulu. Me mugghieri mi rimprovera e io ci rispunnu: ‘Sulu? Ma chi ‘ncucchi ? Ci su vintimila cristiani e sugnu sulu ?!?’»

Medico ortopedico con la stoffa dello scrittore, Alessandro Russo è coautore di “TUTTO IL CATANIA MINUTO PER MINUTO”, la storia, la geografia, la letteratura e financo la religione rossazzurra” Geo Ed. 2011, in vendita alla libreria BONACCORSO, via Etnea 20, Catania e da CAVALLOTTO, corso Sicilia 91 e viale Jonio 32, Catania. Ideatore dell’agenzia SCRITTURIAMO e collaboratore del blog LETTERATITUDINE, di lui si dice che è un rompiballe catastrofico. Maniaco dello stile e dell’editing, ogni giorno visita, scrive, opera, ingessa, corregge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *